FORMAZIONE

LA FORMAZIONE DEI VOLONTARI E IL RUOLO DEGLI OPERATORI LOCALI DI PROGETTO (OLP)

La cooperativa LABOR adotta la metodologia di tipo attivo e le risorse tecniche impiegate nelle attività di formazione sono scelte ed utilizzate in modo da favorire quanto più possibile una dinamica interattiva e partecipativa.

La cooperativa LABOR ha un proprio sistema di formazione accreditato che prevede percorsi formativi specifici per:

  • Volontari in servizio civile
  • Operatori Locali di Progetto
  • Responsabili locali di Ente accreditato
  • Formatori di Servizio Civile

Nello specifico viene effettata una prima fase introduttiva in cui si adotta una modalità di educazione formale.

In seconda istanza viene diffusamente adottata la metodologia dell’ Action Learning.

Tale metodologia si caratterizza per un approccio esperienziale; attraverso l’action learning è possibile vivere l’esperienza diretta dei processi relazionali e gestionali che caratterizzano il nostro modo di agire.

Ogni tematica viene affrontata legando la teoria con l’esperienza diretta dei singoli attraverso attività di simulazione role playing che permettono l’uso di strumenti utili al potenziamento delle abilità personali e professionali.

Tale aspetto, si ritiene particolarmente importante per il raggiungimento degli obiettivi espressi; infatti, soltanto attraverso una partecipazione attiva dei ragazzi è possibile intervenire nei processi di condivisione e di rielaborazione dei concetti trattati. Al fine di favorire una costante e continua partecipazione attiva dei volontari si farà ricorso a dinamiche non formali nel processo formativo attraverso tecniche di brainstorming, animazioni, giochi di ruolo, esercitazioni, simulazioni, il T-group.

L’idea è quella che non ci si deve limitare a trasmettere idee-concetti, ma si deve anche puntare a far acquisire consapevolezza e attitudini. Si devono fornire, laddove possibile, risposte ai problemi sollevati ma più di tutto si deve cercare di fornire e attivare competenze.

Il gruppo in formazione deve essere valorizzato come strumento di apprendimento.

La metodologia adottata sarà pertanto prevalentemente attiva, anche se nella micro-progettazione delle singole lezioni si farà, laddove necessario, ricorso anche ad una metodologia più classica: la lezione frontale tesa a favorire il trasferimento di numerose informazioni utili ai volontari al fine dell’espletamento del loro servizio.

L’intervento formativo avrà, pertanto, nelle diverse fasi,  distinte caratterizzazioni: 

Lezione frontale:

Le lezioni frontali affronteranno l’aspetto formativo di tipo colmativo – con lo scopo di preparare i volontari ad assolvere a specifiche mansioni e attività previste nei progetti attraverso l’offerta di informazioni indispensabili per gestire al meglio la propria esperienza di volontari.

Dinamiche non formali :

Il ricorso alle dinamiche non formali affronterà l’aspetto formativo di tipo integrativo – con lo scopo di facilitare l’inserimento e l’adattamento dei singoli nell’organizzazione, agire in un contesto di integrazione sociale, creare senso di appartenenza e gestire i conflitti.

Modalita e-learning. Tutti i moduli di formazione e gli approfondimenti saranno presenti online in modo da poter garantire ai giovanni la possibilita di riverede ed esaminare i materiali e le risorse extra suggerite anche al di fuori delle ore di formazione.

Nel complesso gli strumenti utilizzati permetteranno di attuare lezioni frontali e dinamiche, nello specifico saranno utilizzati:

Strumenti digitali:

Internet,  PC e casse audio, Prize, Ipad, Mentimeter e Power Point (PPT)

Strumenti cartacei:

Lavagna a fogli mobili, Post it, pennarelli, Materiali per laboratori e attività didattiche (role play, simulazioni, esercitazioni, etc), cancelleria varia, Dispense didattiche.

Per ciascun modulo formativo saranno distribuite delle dispense ad hoc, per favorire un ulteriore approfondimento da parte dei volontari una volta conclusa la formazione d’aula. In linea con una scelta di ridurre al minimo gli sprechi ambientali il materiale didattico verra fornito a tutti i partecipanti in forma digitale (paper free).

ENTI PRIVATI e ASSOCIAZIONI

Se siete PRIVATI o ASSOCIAZIONI potete contattarci qui  per avere ulteriori informazioni

ENTI LOCALI e ENTI PUBBLICI

Se siete ENTI PUBBLICI  potete contattarci qui
per avere ulteriori informazioni

Dove Siamo

Cooperativa Sociale Labor a.r.l. onlus

Via Giuseppe Di Vittorio n. 14 
64026 Roseto degli Abruzzi (TE)

P.IVA 01523820676

 

 

Contatti

Tel/Fax: +39 085 899 52 09
Cell: +39 338 43 05 698

email:
cooperativasocialelabor@virgilio.it
PEC:
cooperativasocialelabor@pec.it

 

 

Seguici su: